Alberta Pellacani con Promessa in Dislocata

Sabato 28 settembre 2019 dalle ore 18.30
Inaugurazione

ALBERTA PELLACANI
PROMESSA
a cura di Lucia Biolchini e Piero Deggiovanni

28 settembre – 20 ottobre 2019
DISLOCATA spazio espositivo
Via Cantelli 3/1
VIGNOLA (MO)

La rassegna Nuove Terre che caratterizza il programma di Dislocata del 2019, e che riprende il tema dell’omonimo testo di Sara Marini incentrato sul rapporto tra architettura, paesaggio e scarto, continua con Promessa di Alberta Pellacani, aperta al pubblico dal 28 settembre al 20 ottobre 2019.
Due video inediti e una serie di disegni scrutabili al buio, sono alcune delle opere esposte, ispirate dal territorio precollinare di Vignola e dallo scorrere del fiume Panaro, tema del progetto Palinsesto Urbano iniziato nel 2016 (Venezia, Mantova, Torino, New York): “città le cui storie e origini ‘affondano’ come radici, nel rapporto armonico o dissonante con l’acqua; dialogo e contrasto nella convivenza tra uomo, acqua e natura, attraverso una visione di sedimentazioni urbane, architettoniche, vegetali”.
Come sottolinea Piero Deggiovanni nel testo in catalogo, “Alberta Pellacani guarda ai fenomeni, quelli a noi così vicini che non riusciamo più a vedere, e di essi trattiene segni, luminescenze, immagini fisse o in movimento, sempre emotivamente attive, che trascendono lo spazio ridotto a segno: un essudato essenziale di architetture, una sublimazione del paesaggio. Se di «scarto» si può parlare, Pellacani lo interpreta come traccia emozionale dell’esistenza. Interiorità che scruta e trattiene solo l’essenza di un territorio.”
La mostra rientra nel circuito nazionale della quindicesima edizione della Giornata del Contemporaneo in programma sabato 12 ottobre 2019.

Apertura: sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19
Altri giorni su appuntamento tel. 348 931 5462

Rocca di Vignola | Sabrina Muzi | SHĀN [cap. 2]

Alla Rocca di Vignola prosegue la rassegna
Ora più rada ora più densa
Architetture dell’immaginario
a cura di Lucia Biolchini

Sabato 21 settembre alle ore 11.30
SABRINA MUZI
SHĀN [cap. 2]

21 settembre –  10 novembre 2019
ROCCA DI VIGNOLA
Piazza dei Contrari, 4
VIGNOLA (MO)

Fino al 26 aprile 2020 la Fondazione di Vignola ospita “Ora più rada ora più densa. Architetture dell’immaginario”, una rassegna di arte contemporanea a cura di Lucia Biolchini in cui si alternano gli artisti Marina Fulgeri, Sabrina Muzi, Alessandro Moreschini, Linda Rigotti e Giorgia Valmorri. Il programma completo è scaricabile qui.

Il secondo appuntamento di “Ora più rada Ora più densa. Architetture dell’immaginario”, la rassegna di arte contemporanea a cura di Lucia Biolchini realizzata dalla Fondazione di Vignola tra le mura della maestosa Rocca di Vignola, è l’intervento di Sabrina Muzi SHĀN [cap. 2], a partire da sabato 21 settembre alle ore 11.30
“Si tratta di un progetto realizzato durante una residenza in un piccolo villaggio cinese ai piedi della Grande Muraglia e presentato durante l’Artweek bolognese – spiega la curatrice – che qui si presenta in una nuova veste”. Oggetto del lavoro della Muzi è la montagna (Shān in cinese), dipinta ad acquerello su lunghi fogli verticali di carta di riso e su sottili carte cinesi, le cui stratificazioni seriali e le trasparenze restituiscono un luogo di sovrapposizioni temporali e spaziali. 
“Questo laboratorio di arte contemporanea, che richiama nel titolo le “Città invisibili” di Italo Calvino, operazione culturale pensata per valorizzare uno dei nostri monumenti più importanti – afferma Carmen Vandelli, Presidente della Fondazione di Vignola – dopo la riuscita sperimentazione dei primi mesi, prosegue adesso con Sabrina Muzi che sovrapporrà paesaggi e monumenti, consentendoci una nuova lettura delle Sale delle Colombe, del Padiglione e dei Cani della nostra Rocca”.
Shān è un’immagine icona che reiterata come un mantra si carica di forza simbolica divenendo emblema di un archetipo e testimone di un luogo e delle sue trasformazioni. A introdurre il lavoro, una nuova opera che sgorga dal camino della Sala delle Colombe  e tende verso il centro della stanza. Al primo piano il nucleo principale del lavoro, l’installazione di carte sospese, le foto verticali montate su seta e le bacheche di disegni. Il progetto si concretizza in un’architettura del paesaggio e il video proiettato nella Sala dei Cani, in cui la magnifica decorazione sembra esaltarne la visione, la pone in relazione con una forma antropomorfa: due corpi entrano in risonanza, quello umano e quello della montagna, ponendo le basi per una nuova indagine percettiva sul paesaggio.

Sabrina Muzi si è laureata in Pittura all’Accademia di Belle Arti, nata a San Benedetto del Tronto da anni vive e lavora a Bologna. Inizia la sua pratica artistica agli inizi degli anni ‘90 lavorando dapprima con l’installazione e il disegno e dal 1996 concentrandosi in ambito video, fotografico, video-installativo e performativo. Il suo lavoro è stato esposto in gallerie, musei, spazi pubblici e festival video in Italia e all’estero. Dagli anni 2000 inizia a lavorare anche in spazi non deputati all’arte, realizzando interventi urbani, performance partecipative, installazioni site specific, e alternando l’attività in Italia alla partecipazione a programmi di ricerca internazionali, dove realizza progetti contestualizzati al luogo. E’ invitata in vari programmi di residenza, tra cui al Film Art-in-Residency, Atlantic Center for the Arts (Florida, 2001); MMCA del National Museum of Modern and Contemporary Art (Seoul, 2007); TAV-Taipei Artist Village (Taipei 2010); Handshake 302, gruppo di artisti, antropologi e architetti attivo a Shenzhen, in cui coinvolge la comunità di un villaggio urbano in un progetto performativo, video e fotografico (2017). La sua ricerca di confronto con il luogo si traduce anche in interventi in ambienti naturali, come nel lavoro site specific a Colle S. Marco (Ascoli Piceno 2011) premiato al Premio Terna nel 2012, o nel progetto installativo nel Bosco di Cardigliano del Salento (Specchia, 2014). Tra le ultime mostre: personale a Dislocata, a cura di Raffaele Quattrone, Vignola (2014); “Hestia” a cura di Maura Pozzati, ABC, Bologna, (2015); “Kahuna” a cura di Leonardo Regano, ex Chiesa San Mattia, Bologna (2018).
www.sabrinamuzi.it

Ora più rada ora più densa
Architetture dell’immaginario

a cura di Lucia Biolchini

Sabrina Muzi – SHĀN [cap. 2]
Inaugurazione: 21 settembre alle ore 11.30
Periodo: 21 settembre – 10 novembre 2019
Orari: fino al 30 settembre dal martedì alla domenica 10.00-13 / 15.30 – 19.00
dal 1 ottobre dal martedì alla domenica 9.00-13 / 15.30 – 18.00
Chiuso il Lunedì
Rocca di Vignola, Piazza dei Contrari, 4, Vignola (Modena) 
tel. 059.775246
www.roccadivignola.it
www.fondazionedivignola.it
 
 
In collaborazione con
Wunderkammer associazione culturale
www.dislocata.it

Ufficio Stampa Fondazione di Vignola
Luisa Malaguti
347.1178546
malaguti@mediamentecomunicazione.it